Hera per le scuole

Logo stampa
Acqua / Scuola dell'infanzia
 
Acqua - Scuola dellinfanzia
  •  

    Spettacolo teatrale (per bambini di 4 e 5 anni)
    Attraverso uno spettacolo teatrale che utilizza un approccio narrativo, poetico, divertente ed emozionale, i bambini vengono coinvolti nella conoscenza del tema acqua e al contempo stimolati alla partecipazione attiva.

     

    Descrizione dell’attività


    Attività propedeutica
    Qualche giorno prima dello spettacolo l'insegnante fa vedere in sezione un breve e divertente video messaggio per avvertire le bambine e i bambini dell’arrivo di un potente temporale. Per proteggersi dalla pioggia devono preparare dei semplici oggetti (da realizzare in classe con materiale di recupero), come copri capo e scatole sonore che potranno indossare e utilizzare durante la rappresentazione quando, nel magico e rigoglioso parco giochi in cui si trovano a giocare i protagonisti della storia, inizierà a piovere.


    Attività in presenza
    I due cantastorie animano lo spettacolo coinvolgendo i bambini attraverso gli oggetti creati in classe e raccontando l’avventura di Marianna, Liù, Gianni e Mido, 4 amici che scoprono l’importanza dell’acqua come elemento fondamentale per la vita grazie agli animali e alle piante del parco che dopo un lungo periodo di siccità, improvvisamente ritrovano vigore ed energia grazie all'effetto rivitalizzante della caduta della pioggia. La pioggia che in un primo momento era stata considerata elemento di disturbo per i giochi diventa elemento prezioso da salvaguardare e rispettare, al fine di stimolare nei piccoli un forte desiderio di rispetto dell’ambiente, della risorsa idrica e di salvaguardia dell’ecosistema marino che risente in modo sensibile degli effetti provocati dai nostri cattivi comportamenti ambientali.
    La rappresentazione teatrale è seguita da un momento di dialogo finale tra gli educatori e i bambini a cui vengono poste alcune domande guidate per aiutarli a comprendere i contenuti più importanti trasmessi dallo spettacolo. L’attività si conclude con un’animazione gioiosa e coinvolgente con i bambini, gli insegnanti e gli educatori.


    Per continuare…
    I bambini, accompagnati dagli insegnanti, sono invitati a coinvolgere anche i compagni delle altre sezioni della scuola a cui saranno presentati gli oggetti costruiti grazie alle video istruzioni e sarà spiegato il loro ruolo nella rappresentazione, in modo che anche i bambini che non hanno potuto partecipare allo spettacolo, possano acquisire i concetti chiave focalizzati durante il momento di dialogo finale. Per rendere ancor più  divertente e gioioso il momento, questa attività di condivisione  si concluderà con l’animazione proposta ai bambini dagli attori al termine della rappresentazione teatrale.


    Articolazione dell’attività
    Lo spettacolo, della durata di 1 ora, prevede la partecipazione in contemporanea di un minimo di 2 sezioni fino a un massimo di 3. Nel caso di scuole con un numero più elevato di sezioni sarà possibile ripetere lo spettacolo più volte nel corso della stessa giornata.

    Informazioni organizzative
    Prima dello spettacolo è prevista la visione in sezione di un breve e divertente videomessaggio, per creare l’aspettativa e preparare bambine e bambini allo spettacolo teatrale.
    Sarebbe utile preparare alcuni semplici oggetti di scena che saranno usati dai piccoli durante lo spettacolo. Se la realizzazione risultasse troppo impegnativa, suggeriamo di richiedere la collaborazione dei genitori, che possono realizzarli a casa con i bambini. Come aiuto, sarà messa a disposizione una scheda dettagliata con le istruzioni per realizzare gli oggetti: la scheda propone solo un esempio, che potete decidere di personalizzare e semplificare!
    Gli attori allestiranno le scenografie il giorno stesso della rappresentazione, circa mezz’ora prima del suo inizio, in uno spazio appositamente dedicato all’interno della scuola che dovrà avere le dimensioni idonee per ospitare sia le scenografie sia i piccoli spettatori; questi aspetti verranno concordati in fase di programmazione della data di svolgimento dello spettacolo.
    Se possibile sarebbe preferibile evitare l’uso di locali, come ad es. le palestre, che rendono difficoltoso l’ascolto da parte dei bambini e favoriscono la perdita di attenzione a causa della dispersione della voce.


    In collaborazione con Carthusia Edizioni e le sue autrici: la scrittrice delle storie Emanuela Nava, l’illustratrice delle scenografie Patrizia La Porta.

     
    Come partecipare
     
  •  

    Atelier creativo esperienziale (per bambini di 4 e 5 anni)

    L'atelier "L'Hera creativa - Da lontano eri un'isola" prevede il coinvolgimento dei bambini attraverso laboratori pratici, creazione di semplici "diorami", brevi letture e la realizzazione di elaborati individuali, per sensibilizzare i bambini sulle tematiche della sostenibilità in modo semplice e coinvolgente.

     

    Descrizione dell’attività

    Attività propedeutica

    Per attivare la percezione e incuriosire i bambini sulla tematica del laboratorio, viene messo a disposizione delle sezioni un filmato realizzato con la tecnica dello stop motion, in cui i personaggi guida Matteo e Sara giocano in spiaggia lasciando distrattamente alcuni rifiuti sulla battigia e la gabbiana Luce che intraprende il viaggio per scoprire dove si accumulano i rifiuti che finiscono in mare.


    Attività in presenza
    Il titolo dell’attività evoca il tema centrale dell’incontro: sensibilizzare i bambini circa il fenomeno dell’accumulo dei rifiuti in mare e della formazione delle isole di plastica per far comprendere l’importanza di non abbandonare rifiuti in natura e di proteggere l’ambiente marino, grazie alle attività dell’atelier che prevedono il riutilizzo creativo dei materiali di scarto.
    Il giorno dell’incontro l’educatore prende spunto dai contenuti proposti ai bambini dall’attività propedeutica per coinvolgerli attivamente in maniera giocosa e partecipata attraverso la realizzazione dell’oceanario”, una sorta di diorama rappresentativo dell’ambiente marino costruito dai bambini utilizzando acqua colorata, elementi rappresentativi del fondale (sabbia, sassolini, ecc…) e piccoli rifiuti galleggianti e affondanti che simulano l’inquinamento del mare. Successivamente l’atelier invita i bambini a realizzare delle opere creative a tema acqua, scegliendo e accostando originali e colorati materiali di recupero.


    Per continuare...(stimolare il risparmio idrico)
    Per approfondire con i bambini la tematica della corretta gestione della risorsa idrica e del risparmio, si mette a disposizione dell'insegnante della sezione la “Storia di Tiddalik” la leggenda a lieto fine degli aborigeni australiani sulla rana che aveva bevuto tutta l’acqua a disposizione nei fiumi e nei laghi.
    L’insegnante attraverso la lettura potrà stimolare nei bambini ulteriori conclusioni e nuovi ragionamenti che porteranno i bambini a proseguire con interesse il loro percorso di conoscenza della tematica acqua.


    Articolazione dell’attività
    L’atelier creativo si svolge a sezioni singole e prevede un incontro della durata di 1 ora.
    La partecipazione prevede un minimo di 2 sezioni fino a un massimo di 3 al giorno in ogni scuola.


    Informazioni organizzative
    L’atelier è condotto da un educatore ambientale.
    L’incontro si svolge all’interno della sezione e l’educatore fornisce ai bambini il materiale necessario per l'attività.

     
    Come partecipare
     
  •  

    Lettura animata (per bambini di 4 e 5 anni)

    Il laboratorio prevede una narrazione animata con il metodo della lettura dialogica, ideato da Grover Whitehurst, che permette di mettere in relazione la storia del libro con l'esperienza del bambino. La lettura ad alta voce è una piacevole esperienza che crea nei bambini l'abitudine all'ascolto, accrescendo il desiderio di imparare a leggere.

     

    Descrizione dell’attività


    Attività propedeutica
    Qualche giorno prima dell’appuntamento a scuola, i bambini saranno riuniti dagli insegnanti per ascoltare un curioso messaggio audio, con il quale Lea, la protagonista della lettura animata, si presenta e annuncia l’imminente arrivo a scuola di un misterioso “Narrastorie”. Tutti i bambini sono stimolati così a partecipare e a preparare per l’occasione un disegno di un essere vivente che diverrà elemento interattivo della storia narrata.


    Attività in presenza
    Il libro di riferimento per la tematica acqua che viene letto in classe, è realizzato da Carthusia Edizioni e appositamente ristampato in edizione personalizzata in grande formato per il progetto.
    Dopo essersi presentato e aver creato con i bambini il giusto clima di attenzione alla lettura, il “Narrastorie” legge il racconto intitolato “Lea e l’acqua” scelto appositamente per accompagnare le bambine e i bambini in un percorso di conoscenza dell’importanza del risparmio idrico e dell’acqua come bene comune. Il libro illustrato rappresenta la base per la narrazione animata: l’educatore infatti coinvolge attivamente i bambini nella lettura facendoli partecipare attraverso gli oggetti di scena (compreso quello che hanno preparato i bambini per l’occasione) e creando un’interazione attraverso le loro domande, contribuendo così alla crescita di consapevolezza per la tutela dell’ambiente e l’importanza di agire con rispetto, cura e attenzione. L’attività si conclude con una animazione, sotto forma di danza di gruppo, che l’educatore guida e realizza con tutti i bambini e gli insegnanti.


    Per continuare...
    I bambini e i docenti sono invitati a proporre l’animazione finale della danza di gruppo anche ai loro genitori e/o alle altre sezioni della scuola, per condividere i concetti chiave che la narrazione della fiaba ha proposto.


    Articolazione dell’attività
    L’attività si svolge a sezioni singole e prevede un incontro della durata di 1 ora.
    La partecipazione prevede un minimo di 2 sezioni fino a un massimo di 3 al giorno in ogni scuola.


    Informazioni organizzative
    E’ necessario uno spazio accogliente e confortevole, possibilmente con tappeti e cuscini dove tutti possano sedersi comodamente. Per l’animazione finale è necessario uno spazio che permetta ai bambini di muoversi in libertà.

     
    Come partecipare