Hera per le scuole

Logo stampa
Acqua / Scuola secondaria di 2° grado
 
Acqua - Scuola secondaria di 1° e 2° grado
  •  

    Visite guidate reali agli impianti

    "Itinherario invisibile - Acqua" è l'attività didattica dedicata alla conoscenza dei principali impianti del ciclo acqua gestiti da Hera in ogni territorio, ideato per sensibilizzare i ragazzi sull'importanza della gestione della risorsa idrica.

     

    Descrizione dell’attività


    Attività propedeutica
    Al fine di preparare gli studenti alla visita guidata all’impianto, è previsto l’invio materiale multimediale specifico che propone una esplorazione guidata introduttiva sul tema del ciclo idrico urbano.


    Attività in presenza (uscita agli impianti)
    L’itinherario è caratterizzato da una uscita a uno o più impianti acqua da scegliere tra quelli inseriti nell’elenco del proprio territorio di riferimento. Prima dell’uscita si predispone una fase di segreteria organizzativa tenuta dall’educatore, al fine di concordare la data e il programma dell’uscita commisurando le esigenze della scuola con le imprescindibili prescrizioni tecniche-logistiche degli impianti; la scuola riceve inoltre la documentazione di manleva che deve essere compilata e inviata dall’Istituto prima dell’uscita ai referenti degli impianti. L’educatore preposto all’accompagnamento attende la classe all’impianto e guida il gruppo lungo un preciso e organizzato percorso di visita a tappe concordato e definito in base alle indicazioni di sicurezza fornite dai tecnici referenti degli impianti e finalizzato all’esplorazione delle varie sezioni impiantistiche e alla conoscenza delle specifiche fasi di trattamento dell’acqua, al fine di trasferire ai giovani, al completamento della visita, la panoramica completa sulla gestione della risorsa idrica del proprio territorio.


    Per continuare…
    Per approfondire ulteriormente l’attività  viene fornita all’insegnante un’apposita scheda di verifica degli apprendimenti, la scheda didattica degli impianti visitati e a tutti gli studenti viene distribuito l’opuscolo informativo di Hera “In buone acque”.


    Articolazione dell’attività
    L'itinherario prevede una uscita per visitare uno o più impianti (massimo tre) appartenenti al ciclo scelto.
    La partecipazione prevede la presenza di un numero pari di classi iscritte per ogni scuola con un minimo di 2 classi richiedenti.
    L’uscita agli impianti prevede un impegno di mezza giornata per la visita a uno o due impianti; per la visita a tre impianti si prevede un impegno di una giornata intera, con necessità di prevedere il pranzo al sacco e il rientro pomeridiano.


    Informazioni organizzative
    L’insegnante potrà scegliere di costruire il proprio itinherario consultando l’elenco degli impianti visitabili del ciclo acqua per il proprio territorio di riferimento.
    Non è possibile abbinare agli impianti del ciclo acqua impianti appartenenti ai cicli ambiente ed energia.
    Il costo e l’organizzazione dei trasporti a tutti gli impianti sono a carico della scuola.


    Consulta l’elenco degli impianti visitabili del ciclo acqua per il tuo territorio

     
    Come partecipare

    Gli impianti visitabili 2018-2019


    Ravenna

    Impianto di potabilizzazione di Bubano - Mordano

    Impianto di depurazione delle acque reflue - Lugo (solo per le classi 4° e 5°)


    Forlì-Cesena

    Impianto di potabilizzazione di Bubano - Mordano

    Impianto di depurazione - Cesena (solo per le classi 4° e 5°)


    Ferrara

    Impianto di potabilizzazione di Pontelagoscuro - Ferrara


    Imola-Faenza

    Impianto di potabilizzazione di Bubano - Mordano

    Depuratore Santerno - Imola (solo per le classi 4° e 5°)


    Rimini

    Serbatoio di distribuzione di Covignano - Rimini


    Modena

    Acquedotto - Modena

    Impianto di potabilizzazione Val di Setta Sasso Marconi - Bologna


    Bologna

    Impianto di potabilizzazione Val di Setta - Sasso Marconi (BO)

    Depuratore Santerno - Imola (solo per le classi 4° e 5°)

     
  •  

    Visite guidate virtuali agli impianti

    "Itinherario invisibile virtuale - Acqua" è l'attività didattica che promuove l'utilizzo di tecnologie multimediali per approfondire la conoscenza della gestione della risorsa idrica e della rete di impianti acqua gestiti da Hera in ogni territorio.

     

    Descrizione dell’attività


    Attività propedeutica
    Al fine di preparare gli studenti alla visita guidata virtuale all’impianto, è previsto l’invio materiale multimediale specifico che propone una esplorazione guidata introduttiva sul tema del ciclo idrico urbano.


    Attività in presenza (incontro in classe con collegamento all’impianto)
    L’itinherario virtuale è caratterizzato da un incontro in classe di due ore in presenza di due educatori ambientali: il primo gestisce le fasi dell’incontro in classe che prevede una serie di collegamenti in diretta Skype con un secondo educatore, un vero e proprio inviato speciale, che illustra dal vivo le diverse fasi di trattamento dell'impianto scelto, proponendo approfondimenti e stimolando la curiosità dei ragazzi con l’obiettivo di trasferire alle nuove generazioni in maniera dinamica e multimediale, la conoscenza della gestione della risorsa idrica nel territorio. L’incontro in classe è preceduto da una fase di segreteria organizzativa predisposta dall’educatore, al fine di concordare la data commisurando le esigenze della scuola con le imprescindibili prescrizioni tecniche-logistiche degli impianti. Durante l’incontro in classe l’educatore, con l’ausilio di una presentazione multimediale, fornisce le principali informazioni sul ruolo e le funzioni svolte dall’impianto scelto per la visita nell’ambito del ciclo idrico integrato, proponendo di effettuare approfondimenti grazie ai collegamenti dall’impianto con l’educatore inviato, che si collega dai luoghi chiave dell’impianto al fine di mostrare in diretta alcune fasi di funzionamento in modo interattivo e coinvolgente.


    Per continuare…
    Per approfondire ulteriormente l’attività  viene fornita all’insegnante un’apposita scheda di verifica degli apprendimenti, la scheda didattica dell’impianto visitato e a tutti gli studenti viene distribuito l’opuscolo informativo di Hera “In buone acque”.


    Consulta l’elenco degli impianti acqua a cui collegarti per il tuo territorio


    Articolazione dell’attività
    L'itinherario prevede un incontro in classe di 2 ore, in cui si effettua il collegamento virtuale via Skype un impianto appartenente al ciclo scelto.
    La partecipazione prevede la presenza di un numero pari di classi iscritte per ogni scuola con un minimo di 2 classi richiedenti.
    L’itinherario virtuale prevede la possibilità di collegarsi a un unico impianto del ciclo acqua da scegliere tra quelli inseriti nell’elenco del proprio territorio di riferimento.


    Informazioni organizzative
    L’insegnante potrà scegliere l’impianto in cui effettuare la visita virtuale consultando l’elenco degli impianti acqua a cui collegarsi per il proprio territorio di riferimento.
    L’incontro in classe richiede la presenza della lim con collegamento a internet; si richiede di verificare preliminarmente la possibilità di attivare Skype per effettuare il collegamento con l’inviato speciale all’impianto.

     
    Come partecipare

    Gli impianti visitabili 2018-2019


    Ravenna

    Impianto di depurazione delle acque reflue - Lugo

    Impianto di potabilizzazione di Bubano - Mordano


    Forlì-Cesena

    Impianto di depurazione - Cesena

    Impianto di potabilizzazione di Bubano - Mordano


    Ferrara

    Impianto di potabilizzazione di Pontelagoscuro - Ferrara


    Imola-Faenza

    Impianto di potabilizzazione di Bubano - Mordano

    Depuratore Santerno - Imola


    Rimini

    Impianto di depurazione di Santa Giustina - Rimini


    Modena

    Impianto di depurazione di via Gramicia 95/112 - Ferrara

    Impianto di potabilizzazione di Pontelagoscuro - Ferrara


    Bologna

    Impianto di potabilizzazione Val di Setta - Sasso Marconi (BO)

    Depuratore Santerno - Imola

     
  •  

    Da febbraio ad aprile 2019 torna Un pozzo di scienza; per le scuole secondarie di 2° grado di ogni indirizzo delle principali città dell'Emilia-Romagna.

     

    Il tema di questa nuova edizione sarà la mente ecologica, vero e proprio seme del futuro. Un tema quanto mai importante ed attuale, perché, per affrontare argomenti complessi come perdita di biodiversità, scarsità di risorse, uso efficiente dell'energia e taglio delle fonti inquinanti è necessario che la sfida coinvolga certamente ogni essere umano ma con un nuovo tipo di mentalità: un pensiero, appunto, che deve sempre più saper integrare discipline diverse, miscelando economia, scienza, analisi della società, tradizioni filosofiche millenarie e tecnologie avanzate. Questo sguardo multilivello è la mente ecologica, una dimensione verso cui tendere per innescare realmente la transizione verso un modello di società più circolare e sostenibile. Un modello che giocoforza porterà, tra dieci o vent'anni, allo sviluppo di nuove professioni green oriented: costruttori di parti del corpo, chirurghi della memoria o agricoltori verticali. Proviamo a capire, proiettandoci nel futuro prossimo, quale sarà l'evoluzione delle nostre vite, e quale scenario lavorativo si troveranno davanti le generazioni che verranno.

    Nella proposta didattica di quest'anno troveremo le Science Stories, incontri caratterizzati da una forte componente interattiva e partecipativa, tenuti da docenti universitari, scienziati, giornalisti, esperti e giovani ricercatori. E poi le game conference e i workshop, caratterizzati da un approccio ancora più pratico ed esperienziale. Non possono mancare i laboratori interattivi hands-on, che esploreranno ancor più a fondo i modelli dell'approccio IBSE (acronimo per Inquiry-Based Science Education), cioè l'apprendimento basato sull'investigazione, attraverso l'introduzione, accanto ai kit didattici già sperimentati, del Play Decide, laboratorio in forma di gioco di ruolo promosso dall'Unione Europea per favorire lo scambio e il dibattito su tematiche scientifiche di grande attualità.

    E ancora, gli studenti avranno la possibilità di visitare i Dipartimenti Scientifici e Laboratori di sviluppo e analisi, per scoprire il dietro le quinte dell'indagine scientifica.
    Tornerà anche il concorso finale legato ai temi del 2019, che vedrà nuove modalità e nuove sfide tutte da scoprire.

    Il progetto è organizzato e coordinato da ComunicaMente, Tecnoscienza e Il Science Centre - Immaginario Scientifico di Trieste cui si affianca un Comitato Scientifico appositamente istituito composto da docenti universitari, giornalisti, esperti e divulgatori scientifici.

    Le iscrizioni saranno aperte a partire da lunedì 1° ottobre 2018.

    Per informazioni:
    ComunicaMente - Tel. 051 6449699 dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 17.30
    pozzodiscienza@comunicamente.it

     
    Come partecipare